Big Data, comunicazione e ricerca: la lectio di De Kerckhove e Amadori

URBINO, 23 FEB – Sanità e comunicazione, due temi apparentemente distanti tra loro che giovedì saranno il cuore di un confronto all’Università di Urbino. A partire dalle 9.30 Derrick De Kerckhove e Dino Amadori presenteranno la loro lectio sulle “Sfide digitali per la performance in sanità”. Dopo un’introduzione firmata dal rettore Vilberto Stocchi, dal direttore del corso “La performance nella sanità digitale: gestione e comunicazione (Pgeco)” Lella Mazzoli e dal direttore di Area Vasta 1 – Asur Marche Carmine Di Bernardo, inizieranno gli interventi dei due importanti studiosi, riconosciuti a livello internazionale.

Alle 10 il sociologo canadese De Kerckhove, considerato un punto di riferimento della cultura digitale e al quale l’Ateneo urbinate aveva conferito la laurea honoris causa nel 2004, terrà una lezione dal titolo “L’intelligenza della connessione: uso dei Big Data per le pratiche sanitarie”. A seguire l’intervento del professor Dino Amadori, oncologo riconosciuto a livello europeo, che approfondirà i temi legati alla ricerca nel campo della lotta ai tumori.

A chiudere la mattinata saranno infine i professionisti che hanno partecipato alla prima edizione del corso Pgeco. Il direttore sanitario dell’Istituto Romagnolo per lo Studio e la cura dei Tumori di Meldola, Mattia Altini coordinerà il primo panel: “Criteri e strumenti per la valutazione e il monitoraggio della performance in sanità”, mentre il secondo incontro dedicato alle “Strategie di comunicazione della performance in sanità” sarà introdotto da Gea Ducci, direttore del Master in Management innovativo delle organizzazioni sanitarie (MIOS) all’Università di Urbino.