luca ceriscioli

Ducato Tv n.7 – 2 marzo 2016

URBINO – Torna Ducato Tv. La settima edizione del nostro magazine televisivo, curato dai ragazzi del biennio 2014-16. L’Italia è divisa tra un debito pesantissimo e una crescita che non decolla….


Sanità, Ersu e viabilità, Ceriscioli a Urbino spiega le sue riforme. E bacchetta Gambini: “Rispetti le leggi”

Il presidente della Regione ha difeso il suo “buon governo” in un incontro tra Pd e cittadini al Collegio Raffaello. E ha risposto a distanza ai sindaci ‘ribelli’ che non hanno digerito il riordino degli ospedali dell’entroterra. “Dovrebbe pensare che le leggi vanno rispettate” replica al primo cittadino della città ducale. Nel corso della riunione, sono stati toccati i temi del diritto allo studio, e si è tornati a parlare dell’incompiuta Fano-Grosseto
LEGGISanità, la riforma slitta al 2017. Gambini: “Nessuna vittoria, non abbiamo ancora letto la delibera”
LEGGIReferendum sanità, Urbino dice sì ma non basta per andare alle urne






Fusione Urbino-Tavoleto, Gambini prepara il ricorso al Tar contro la regione Marche

Il comune di Urbino passa dalle parole ai fatti e si prepara alla battaglia legale contro la Regione. Lo scorso 11 dicembre, con un decreto, la Regione aveva sospeso il referendum consultivo, ultimo passo dell’iter per incorporare Tavoleto, a rischio default. Il sindaco ora vuole l’annullamento di quel decreto. L’azione legale che costerà al Comune quasi ottomila euro
L’ESPERTO “Ecco cosa cambia con la fusione”




Fusione Urbino-Tavoleto, i due sindaci accelerano: “Niente ricorso, referendum a gennaio”

È una corsa contro il tempo quella di Tavoleto: ora che il referendum per la fusione è stato sospeso, il Comune rischia il dissesto finanziario. Per il sindaco l’unico rimedio, in attesa che il Tar si pronunci sulla questione, è evitare altre azioni legali
VIDEO Gambini attacca il Tar: “Non molliamo”
LA SCHEDA Fusione Urbino-Tavoleto, un guadagno da 13 milioni in 10 anni



Fusione Urbino-Tavoleto, un guadagno da 13 milioni in 10 anni

Il 13 dicembre ci sarà il referendum consultivo per capire se i cittadini dei due comuni sono d’accordo con il progetto. Il voto non è vincolante: sarà la regione Marche a decidere se la fusione ci sarà o no. Nel caso in cui l’incorporazione dovesse andare in porto, la città ducale guadagnerebbe circa 1,3 milioni di euro all’anno di contributi straordinari fino al 2026, il 6,23% del finanziamento del bilancio corrente 2015
L’ESPERTO Prof. Gnes: “Ecco cosa cambia”
VOX Tavoletani incerti: “Decideremo il giorno del referendum” (VIDEO)