Media

Il dialogo fra Dorfles e Jozsef: “Così il giornalismo culturale deve ancora uscire dal suo ghetto”

La sfida del digitale non è ancora stata vinta e la cultura non è uscita dalla sua nicchia. Il dialogo tra il professore e il giornalista di Liberation. I giornali “dovrebbero essere più in generale pregni di cultura, in ogni pagina”. Anche in internet si può ricadere nello stesso problema, della bolla, quello della “omofilia”: “La tendenza a leggere solo ciò che si ama”


Il Festival del Giornalismo culturale arriva a Fano. La diretta Twitter della terza giornata

Nella terza giornata, il Festival del Giornalismo culturale si sposta al Teatro della Fortuna di Fano. Dopo l’apertura dei lavori e il messaggio di benvenuto del vicesindaco Stefano Marchegiani, la mattinata si apre con il racconto di Antonio Gnoli, Giornalista e saggista, ex cxaporedattore delle pagine culturali di Repubblica.
LE FOTO DELLA PRIMA GIORNATA | LO SPECIALE DEL DUCATO IN EDICOLA | Tutte le notizie dal Fgc17






Pinelli al Festival del Giornalismo Culturale: “Il pubblico italiano è inondato dall’informazione artistica”

Lo storico d’arte ha parlato del male che affligge l’informazione di settore e il modo in cui si fruisce della cultura: la mostrite. “Prima erano 20 l’anno, ora ce ne sono di continuo. E sempre sui soliti noti. Sta al giornalista fare da filtro e mediatore”
LE FOTO DELLA PRIMA GIORNATA | LO SPECIALE DEL DUCATO IN EDICOLA | Tutte le notizie dal Fgc17


La cultura in un documentario “pop”. Pisoni racconta Sky Arte al Festival. La diretta Twitter della giornata

Il direttore di SkyArteHd ha aperto la seconda giornata del Festival del Giornalismo Culturale al teatro Rossini di Pesaro. Del canale, nato nel 2012, è il ‘padre’ virtuale e spirituale. I progressi in 5 anni sono stati molti con produzioni diffuse in tutto il mondo
LE FOTO DELLA PRIMA GIORNATA | LO SPECIALE DEL DUCATO IN EDICOLA | Tutte le notizie dal Fgc17


La cultura viaggia ancora sui vecchi canali: la televisione piace più delle nuove app

Volantini, telegiornali e programmi tv sono le principali fonti d’informazione per gli appassionati al patrimonio culturale e, mentre le piattaforme digitali faticano ad affermarsi, un mezzo ‘antico’ come la radio riacquista popolarità. Ci si fida di più degli amici che degli esperti e il primo interesse è per cibo e turismo. Questi aspetti sono messi in luce dallo studio del Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Avanzata di Urbino.